La predisposizione ad ingrassare non nasce dal nulla ma è la causa dell’esposizione a sostanze tossiche detti interferenti endocrini, che noi ingeriamo inconsapevolmente dai cibi e bevande confezionate in plastica!

Gli ftalati e i bisfenoli sono ampiamente utilizzati come additivi nelle plastiche degli imballaggi.

A contatto con cibi e bevande vengono rilasciati dalla plastica e vengono inconsapevolmente ingerite!

Queste sostanze chimiche giocano un ruolo importante come interferenti endocrini, andando a modificare il delicatissimo equilibrio ormonale.

Ci sono fasi della vita in cui gli interferenti endocrini sono particolarmente pericolosi come nella fase della vita fetale quando si verifica la formazione degli organi detta organogenesi (link dell’articolo scaricabile gratuitamente).

In questa fase il feto è particolarmente vulnerabile anche a basse concentrazioni di interferenti endocrini, che possono indurre una differenziazione cellulare delle cellule stromali multi-potenti in tessuto adiposo anziché in muscoli, ossa e cartilagini.

Per cui, nella fase prenatale il bambino esposto a sostanze endocrini, nascerà già con un numero di cellule adipose maggiori rispetto a quello non esposto.

Anche dopo la nascita, la continua esposizione a fonti di interferenti endocrini (latte artificiale, biberon in plastica, acqua minerale in plastica, giocattoli in plastica, ecc) stimolano un accumulo di grassi negli adipociti legandosi a specifici recettori (pro-adipogenici PPAR gamma).

Abbiamo già approfondito le numerosi fonti di esposizione a cui sono sottoposti i nostri bambini in questo articolo!

Si innesca in questo modo quello che è stato definito il circolo vizioso delle sostanze che fanno ingrassare dette obesogene (link dell’articolo scaricabile gratuitamente) e cioè più l’individuo è esposto nel corso della sua vita a partire dal periodo prenatale agli agenti obesogeni e più tende ad ingrassare.

Queste molecole tossiche tendono ad accumularsi nel tessuto adiposo e quindi maggiore sarà il tessuto adiposo maggiore sarà la quantità che l’individuo può accumulare nel suo grasso.

Più l’individuo accumula sostanze obesogene, più quest’ultime spingono il tessuto adiposo ad accumulare grasso e di conseguenza anche sostanze obesogene.

Insomma si instaura un circolo vizioso che è difficile interrompere.

Ecco il motivo per cui più si è grassi e più ti tende ad ingrassare (link del’articolo scientifico).

Questo particolare meccanismo fisio-patologico non viene in alcun modo considerato né mensionato da nessun diabetologo, dietologo o guru della dieta ma risulta fondamentale per capire la predisposizione genetica ad ingrassare.

Le contromusure da adottare soprattutto durante la fase della gravidanza:

  • eliminare gli oggetti monouso in plastica come posate, piatti, bicchieri, ecc., anche nelle mense scolastiche
  • bere acqua dal rubinetto o da bottiglie in vetro;
  • consumare cibi non confezionati in plastica;
  • non adoperare le famose pentole antiaderenti in pietra;
  • non maneggiare oggetti in plastica;
  • non usare cosmetici in contenitori di plastica.

Si tratta  di sostenere una vera e propria rivoluzione culturale, che ci liberi dalla Dieta della Plastica, che inconsapevolmente seguiamo tutti i giorni!

Se vuoi essere sempre aggiornato, registrati alla newsletter gratuitamente ora (link)!

dr Pasquale Cioffi

Share This